• Nakiri in MAGNACUT

    ·

    Nakiri in MAGNACUT

    Manico in acero spalted grigio e spaziatori rossi. La lama in MAGNACUT a 63HRC. Geometria molto aggressiva per un taglio netto e preciso.


  • Un Nakiri in GRABAK

    ·

    Un Nakiri in GRABAK

    Sempre per il Blade Show ho deciso di fare una coppia di Nakiri in GrabaK, l’ultimo pattern di Damasteel.

    Il manico è in acero stabilizzato con il solito collarino in Juma nera.


  • Una bestia in Bjorkman Twist

    ·

    Una bestia in Bjorkman Twist

    Per il Blade Show 2024 ho deciso di fare un bestione in Damasteel Bjorkman Twist. Il manico è in radica di amboina stabilizzata e tinta di un grigio cenere davvero elegante. Il collarino è in Damasteel Dense Twist.

    L’acidatura della lama con effetto Chatoyancy o come preferisco chiamarlo quando uso questo acciaio “Mother of Pearl”


  • Chef in GRABAK(TM)

    ·

    Chef in GRABAK(TM)

    Grabak è l’ultimo nato in casa Damasteel. Il pattern è caratterizzato dalla fusione di altri due pattern, il Grossen Rose e il Faifnir. Ciò che ne risulta è un disegno altamente intricato da cui sembrano emergere dei cerchi.

    Per questa lama ho scelto di abbinare un collarino in Juma Black lucidato a specchio e un blocco di acero pesantemente stabilizzato.

    La lama è lunga 23cm mentre il manico e 15.5cm. Spero vi piaccia!

    E un piccolo video…


  • Uno specchio di Takohiki (o Tahohiki)

    Un cliente mi ha chiesto un Takohiki e la cosa mi ha intrigato parecchio soprattutto perché non ne avevo mai fatto uno seguendo i “dettami” della tipologia.

    Il Takohiki (o Tahohiki o Takobiki) è un coltello la cui destinazione d’uso è del tutto identica a quello del più famoso Yanagiba. La geometria è la stessa, bisellatura asimmetrica. La forma richiama un po’ uno Yanagiba Sakimaru ma è molto più quadrata. In certi casi la lama è perfettamente rettangolare.

    L’acciaio è il solito e ben collaudato RWL34(TM) portato ad una durezza di 63RC. La lucidatura a specchio, destinata a rovinarsi un po’ nella parte dell’urahoshi, mi è costata 2 giorni di lavoro.

    Vi lascio anche il post di Instagram: spero vi piaccia!